Riparare il parabrezza anzichè sostituirlo conviene sempre, sia in termini di tempo che denaro. Consigliamo sempre di fare un controllo il prima possibile, onde evitare che l’entità del danno aumenti obbligandone la sostituzione.

Per riparare i danni di entità minore, utilizziamo specifiche resine a presa rapida. Prima di procedere ad iniettare la resina, puliamo accuratamente la scheggia in modo che la resina aderisca correttamente al parabrezza.
Il passo successivo, utilizziamo una speciale pistola, che posizionata sopra la scheggia aspirerà ogni traccia d’aria per poi depositare la resina che verrà fatta indurire con una lampada ad infrarossi, a questo punto non ci resta che ritoccare eventuali sbavature e lucidare la zona riparata per donare la trasparenza originaria al parabrezza.

Per quanto riguarda la sostituzione del parabrezza, si inizia con lo smontaggio di tutti gli accessori, tergicristalli, mascherine e specchietto retrovisore; il vetro danneggiato può così essere rimosso preparando il vano per alloggiare il nuovo parabrezza, rimuovendo eventuali tracce di colla e sporco.
Una volta fatto, il nuovo vetro viene riposizionato ed incollato, ripristinando tutti gli accessori montati.